giovedì 4 febbraio 2010

Legittimo ripensamento

Piu' scriviamo nei nostri blog, piu' denunciamo lo squallore di una politica fatta solo per difendere gli interessi di chi governa, per proteggere truffatori ed evasori mentre non fa niente per risolvere i problemi dei cittadini - quelli che stanno pagando la crisi sulla loro pelle - ebbene, piu' ci sdegnamo e ci indignamo, piu' il governo emana norme ingiuste e scandalose.

Forse e' tempo di cambiare strategia, forse non basta piu' quello che abbiamo fatto e detto finora.
Forse non siamo riusciti a raggiungere chi ha la possibilita' di cambiare le cose.
Forse e' tempo di scendere in campo, ma in maniera diversa da come abbiamo fatto finora.


3 commenti:

Paolo Borrello ha detto...

Spesso mi sono posto la stessa domanda. Ho dedicato anche dei post, in passato, ad argomenti simili.
La domanda è legittima. Credo però che l'influenza dei blog, del web in generale, a livello politico è destinata ad aumentare. Dobbiamo resistere.
Un'esperienza come il No B day, nata soprattutto sul web, solo alcuni anni or sono non sarebbe stata nemmenop immaginabile.
Ciao a presto.

Fabio ha detto...

Paolo, mi ricordo il tuo post, ho anche partecipato alla discussione difendendo gli interventi dei blogger. Forse sara' per il mio carattere, ma spesso mi lascio prendere dallo sconforto, quando vedo che piu' spingi in una direzione e piu' le cose vanno in quella opposta.
l'uso di Internet e' ancora troppo limitato, e gia' cosi' c'e' una tale confusione che non ci si capisce niente.
Ciao e a presto

Diana ha detto...

Anch' io sono un po' scoraggiata .... anche perchè certi discorsi rimangono all' interno di una cerchia limitata e già schierata ... Ciao, Fabio!